80778554_2412987719030451_6600872045368573952_o

Secondo capitolo. La miseria umana è un argomento ampiamente trattato all’interno di The Silent Edge. Piace a tutti un personaggio pieno di difetti, magari anche completamente negativo. La narrativa post-apocalittica è colma di questi temi. La fine della società porta a galla la parte peggiore di ognuno di noi, pur di sopravvivere.
Ed è proprio per questo che una grossa ispirazione per TSE è la storia breve “I have no mouth and I must scream” di Harlan Ellison e di conseguenza anche l’avventura grafica omonima.
I personaggi di Ellison sono umani empi, alle volte profondamente disgustosi e dai passati più disparati. Tutti trovatisi alla mercé di un’entità superiore pronta a trattarli tutti egualmente – senza alcuna pietà.
Voi che ne pensate? Apprezzate anche voi le storie colme di miseria? Fateci sapere il vostro parere!

Gillian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *